Comunicare con Fornitore? Fornitore
Watson Lin Mr. Watson Lin
Cosa posso fare per te?
Chatta adesso Contattare il Fornitore
 Numero Di Telefono:86-0755-86238834 E-mail:sales01@hardceramics.com
Home > Elenco prodotti > Macor Ceramics > Barra in vetro lavorabile in ceramica
PRODUCT CATEGORIES
Servizio Online
Watson Lin

Mr. Watson Lin

Lasciate un messaggio
contattaci ora

Barra in vetro lavorabile in ceramica

categoria articolo di Barra in vetro lavorabile in ceramica, siamo produttori specializzati provenienti dalla Cina, Barra in vetro lavorabile in ceramica, Flangia in ceramica lavorabile fornitori / fabbrica, il commercio allingrosso di alta qualità prodotti di Barre di vetro ceramico R & S e produzione, abbiamo il perfetto servizio e supporto tecnico post-vendita. Aspettiamo la vostra collaborazione!

Cina Barra in vetro lavorabile in ceramica Fornitori

Un nuovo materiale silicato policristallino ottenuto cristallizzando il vetro sotto l'azione di un catalizzatore o di un agente nucleante, è una miscela densa, non porosa, omogenea di una fase cristallina e una fase di vetro residua. Generalmente, le dimensioni del cristallo possono variare da nanometro a micrometro e il numero di cristalli può raggiungere il 50% -90%. Ha un'elevata resistenza meccanica, bassa conduttività elettrica, elevata costante dielettrica, buona lavorabilità, resistenza chimica, stabilità termica e così via. Queste proprietà dipendono dal tipo e dalla quantità di cristalli, nonché dalla composizione e dalle proprietà della fase di vetro rimanente e sono strettamente correlate alle condizioni di cristallizzazione e simili. In base al diverso trattamento di nucleazione o cristallizzazione, è suddiviso in ceramiche vetrose fotosensibili e sensibili al calore. Può essere utilizzato per realizzare circuiti stampati, tubi di accumulo di carica, schermi per tubi fotomoltiplicatori, testate missilistiche, radome, cuscinetti, pompe, materiali assorbenti di neutroni del reattore, pilastri isolanti, ecc.
Elenco prodotti correlati

Casa

Phone

Skype

inchiesta